Indirizzo: Via Portuense, 292     Telefono: +39 06.55170.1    

COMUNICATO A FIRMA CONGIUNTA INMI L. SPALLANZANI E GAMALEYA INSTITUTE

Comunicati stampa    0 Commenti     6/03/2021

In data 05 Marzo 2021 si è tenuta una conference call tecnico-scientifica con la partecipazione delle direzioni e dei ricercatori dell’Istituto Nazionale per Le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani IRCCS, del Centro Nazionale di Ricerca Epidemiologica e Microbiologica Nicolaj Gamaleya e del Fondo Russo di Investimento.
Alla videoconferenza hanno partecipato Diplomatici dell’Ambasciata della Federazione Russa in Italia e l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, on. Alessio D’Amato.
La Conferenza è stata aperta dai direttori dei due Istituti, Prof. Alexander Gintsburg e Prof. Francesco Vaia. Nel corso della riunione sono stati presentati nuovi dati su alcuni studi internazionali tra cui il ricente studio svoltosi in Argentina che ha confermato la produzione di anticorpi neutralizzanti nel sangue del 100% delle persone vaccinate con Sputnik V. Sono stati anche discussi aspetti relativi allo sviluppo ed alla implementazione clinica del vaccino Sputnik V e di nuovi anticorpi monoclonali. Il gruppo russo ha presentato dati relativi a nuovi aspetti degli studi di impatto nella popolazione anziana e nei confronti delle varianti emergenti di SARS-CoV-2.

A tale proposito sono state avanzate ipotesi di collaborazione scientifica che prevedono la condivisione di dati, materiali biologici e tecnologie tra i due Istituti. In particolare, il Fondo Russo di Investimento ha comunicato l’avvenuto trasferimento delle tecnologie in una serie dei paesi fuori dalla Federazione Russa (tra cui India, Cina, Corea del Sud e Brasile) e la disponibilità a seguire un percorso simile anche in Italia.

I due Istituti hanno condiviso la necessità di instaurare rapporti stabili di collaborazione scientifica finalizzati allo sviluppo e alla valutazione clinica di nuove strategie vaccinali e terapeutiche.
Si provvederà a breve a stilare un protocollo d’intesa tra i due istituti.

comunicato

Torna all'inizio dei contenuti
ItalianEnglishFrenchGermanSpanish